Castleivar

Las últimas noticias del mundo de los negocios y la economía

Michael Penix Jr. ha portato Washington a vette vertiginose superando bassi profondi: “Avevo paura di giocare”

Michael Penix Jr. ha portato Washington a vette vertiginose superando bassi profondi: “Avevo paura di giocare”
Michael Penix Jr. ha portato Washington a vette vertiginose superando bassi profondi: “Avevo paura di giocare”

L’Athletic ha una copertura in diretta di Texas contro Washington nel Playoff di football universitario al Zuccheriera.

È arrivato più lontano di qualsiasi stella del football universitario negli ultimi due anni – 3.064 miglia e da due vittorie ai College Football Playoff – ma in un triste lunedì di aprile a Seattle, Michael Penix Jr. ha mostrato molto più che misurazioni tangibili del profondità del suo viaggio. È una cosa che nemmeno i suoi genitori all’epoca si rendevano pienamente conto. Ma ora, giorni prima che Penix guidi il numero 2 di Washington nella semifinale del CFP Sugar Bowl contro il numero 3 del Texas, tutti possono apprezzarlo.

Penix ha avuto una spettacolare stagione di debutto per gli Huskies nel 2022, guidando la nazione nei passaggi e contribuendo a trasformare una squadra 4-8 in una squadra 11-2 che ha concluso al numero 8. I mancini che lanciavano palle in profondità non si limitavano a irritare le difese rivali , ha rilanciato una città appassionata di sport. Una settimana dopo quella mattina di aprile, tre quarterback, tutti più giovani di lui, sarebbero stati selezionati con le prime quattro scelte del Draft NFL 2023, ma Penix ha detto che non è stata una decisione difficile quella di tornare a scuola per un’altra stagione.

“Mi sentivo come se avessi più da fare qui”, ha detto L’Atletico Poi. “Volevo di più, non solo da me stesso ma da questa squadra, per questa squadra, per questa università e per questa città. Faremo meglio quest’anno e correggeremo alcuni degli errori commessi l’anno scorso”.

Penix è arrivato ottavo nella votazione dell’Heisman Trophy nel 2022, ma ha scosso la testa quando gli è stato chiesto se il premio fosse anche una motivazione del suo ritorno.

“No-uh.”

“È Playoff o fallisce?”

“Sì. Sono io.”

L’ormai ventitreenne Penix è un brillante mix di tante cose che sembrano essere così opposte. È il figlio maggiore, descritto dai suoi genitori come molto introspettivo, ma ama essere sciocco e ballare le ultime danze virali nella sua cucina. Sul campo, è impavido, resta in tasca fino all’ultimo battito cardiaco perché un ricevitore possa sfondare in profondità. Fuori dal campo sa essere vulnerabile, trasparente e piacevolmente schietto. Per 10 minuti quella mattina di aprile, dopo aver parlato senza mezzi termini del fatto che il 2023 sarebbe stato un playoff o una sconfitta, si è emozionato.

“Qual è la cosa più difficile che tu abbia mai vissuto?”

Fece una pausa di 15 secondi. Balbettò. La sua voce si spezzò.

“2021”.

Nel 2020, Penix ha portato la sua ex scuola, l’Indiana, alla migliore stagione calcistica degli ultimi 53 anni. Gli Hoosiers sono arrivati ​​​​al numero 12. È stato nominato MVP della squadra, anche dopo che un ACL strappato ha concluso la sua stagione in Gara 6 della stagione ridotta a otto partite dal COVID-19. Ma l’anno successivo, l’Indiana finì 2-10. Il crollo degli Hoosier fu solo una parte di ciò che scosse Penix.

“Era più come se il ragazzo avesse finito con il recupero del legamento crociato anteriore, e poi il suo medico lo ha chiamato e gli ha detto: ‘Tecnicamente non hai superato la settimana della partita’, e ha messo quelle paure in quella persona”, ha detto Penix. Ha parlato in terza persona, cercando di trasmettere la portata delle sue paure: quell’infortunio al legamento crociato anteriore del 2020 era diverso dagli altri infortuni di fine stagione. Diverso dal suo infortunio al legamento crociato anteriore del 2018 e dal suo infortunio alla spalla del 2019. Molto diverso.

“Era difficile. Avevo paura”, ha detto Penix, con le lacrime agli occhi. “È difficile. Avevo paura di giocare, ma ci ho provato comunque. Era davvero tanto. Nella mia testa, ho detto che se mi fossi fatto male di nuovo, avrei lasciato il calcio.

Si è appoggiato alla sua famiglia e ai suoi cari per perseverare. I suoi due fratellini sono “parte del motivo per cui non ho mai smesso”, ha detto. Questo è ciò che ha reso questo particolare ritorno, questa parte del suo viaggio, molto più dolce.

“Apprezzi più profondamente il gioco, dal momento che era così vicino ad esserti portato via?”

Penix si sporse in avanti, annuendo con entusiasmo.

“Adoro il gioco così tanto adesso”, ha detto. “Non volevo arrendermi, ma ovviamente affrontare quello che stavo passando è stato difficile. Ma non potevo arrendermi perché ci sono così tante persone che dipendono da me e che mi ammirano. Quindi, se posso giocare, avrei giocato. A meno che il dottore non abbia detto che non potevo. La partita di bowl dell’anno scorso (una vittoria dell’Alamo Bowl contro il Texas) mi ha emozionato. Poter fare quello che abbiamo fatto l’anno scorso è stato speciale”.


Penix Jr. e gli Hoosiers hanno avuto successo nella stagione 2020 colpita dalla pandemia, ma hanno faticato nel 2021. Foto: Marc Lebryk / USA Today

Pochi giorni prima che Penix e i suoi genitori andassero a New York City per la presentazione dell’Heisman del 2023, subito dopo che il quarterback aveva concluso una stagione regolare 13-0 con il titolo Pac-12, i suoi genitori hanno ammesso di non essere consapevoli della profondità del loro figlio maggiore lotte emotive con le sue ferite.

“Onestamente, la prima volta che ho capito che aveva a che fare con quella cosa è stato quando ho visto lo speciale Pac-12 (a settembre), dove avevano quell’intervista con lui”, ha detto la madre di Penix, Takisha. “Quella era la prima volta che lo vedevo aprirsi. Interiorizza molte delle sue emozioni. Ho la sensazione che guardando quell’intervista ho imparato molto su quello che stava passando. Lo avevamo sempre incoraggiato a continuare a combattere. Non arrenderti. Spingere oltre. Penso che semplicemente non volesse che ci preoccupassimo.

Nello speciale di Pac-12 Network Penix descriveva in dettaglio la profondità della sua capacità di affrontare l’incertezza della sua guarigione.

“C’erano momenti in cui mi svegliavo il giorno della partita”, ha detto Penix in TV, “aspettavo che il mio compagno di stanza se ne andasse, e mi sdraiavo sul pavimento e piangevo a Dio”. , pregando che Lui mi proteggesse quel giorno perché sapevo dove avevo la testa in quel momento, e non era veramente fresca. C’erano molte lacrime. Era un sacco di roba.”

Takisha Penix ha detto che al momento hanno deciso di non approfondire la questione con il figlio. “Non volevo riproporlo, soprattutto ora durante la stagione”, ha detto. “Ha riversato le sue emozioni proprio lì in quel momento. Non sento che sia il momento giusto.”

“Odi vedere i tuoi figli affrontare cose del genere”, ha detto Michael Penix Sr., “ma allo stesso tempo è stata una benedizione sotto mentite spoglie. Se non avesse vissuto cose del genere, non sarebbe dove si trova adesso.

Penix si sta attualmente preparando per la semifinale CFP con il Texas, il prossimo passo verso la vittoria di un titolo nazionale. Gli Huskies guidano di nuovo la nazione di passaggio. Sono una squadra grintosa che segue l’esempio della loro più grande stella. Gli Huskies, che hanno ottenuto 20 vittorie consecutive negli ultimi due anni, sono 10-1 nelle partite decise da un touchdown o meno e 9-0 contro le prime 25 squadre.

VAI PIÙ PROFONDO

Allenatori Pac-12 su Washington vs Texas: gli Huskies “sanno solo come vincere”

“Sembra essere un giovane guardingo e non lascia entrare nessuno nella sua cerchia: devi guadagnarti la sua fiducia”, ha detto Yogi Roth, l’analista della rete Pac-12 che ha intervistato Penix durante quell’emozionante speciale. “Ciò che ha fatto per tutta la sua squadra ha dimostrato che le avversità possono renderti notevolmente più forte. Prima, quando era all’Indiana, parlava di come era in ginocchio a piangere e pregare Dio che mi proteggesse. Nessun essere umano sarebbe in grado di giocare libero in quel modo, ma ora gioca libero come chiunque altro in America. Guardalo mentre tira con l’arco e le frecce e fa tutti questi grandi lanci. C’è qualcosa nella resilienza e nel modo in cui può darti una libertà che può rivelarsi un superpotere.

La bellezza della storia di Penix, come talvolta accade negli sport universitari, è lo sviluppo dei giocatori come persone, non come prodotti finiti quando hanno 18 o 19 anni. Nella valutazione, sia nel reclutamento che agli occhi degli allenatori o degli scout della NFL, i giocatori sono spesso definiti da ciò che non possono fare o da ciò che la gente pensa che non siano.

In verità, l’evoluzione di Penix riguarda qualcuno che è quasi l’opposto di come appariva due anni fa.

“Essere in grado di essere presente per i miei compagni di squadra ed essere disponibile è sicuramente una grande cosa per me”, ha detto Penix L’Atletico questa settimana. “Qualcosa di cui ho tratto il massimo vantaggio. Ci sono stati momenti in cui mi è stato portato via. Mi sento molto fiducioso ora. Sono circondato da un gruppo di persone che, quando i tempi saranno difficili, saranno lì per supportare me e il resto della squadra. Sono in una situazione molto migliore e sto facendo tutto il possibile per aiutare la mia squadra a vincere le partite di calcio”.



L’allenatore Kalen DeBoer e Penix si sono riuniti a Seattle dopo aver trascorso insieme la stagione 2019 a Bloomington, Indiana. Foto: Joe Nicholson / USA Today

Penix non è stato supportato solo a Seattle, ma ha fornito supporto ai suoi compagni di squadra, molti dei quali hanno superato le proprie sfide e una disastrosa stagione 4-8 nel 2021 che ha portato all’arrivo dell’allenatore Kalen DeBoer.

Edefuan Ulofoshio, linebacker senior al sesto anno e leader della difesa, si è appoggiato a Penix mentre si stava riprendendo da un infortunio alla parte superiore del corpo che lo aveva messo da parte per la prima metà della stagione 2022.

“Mi ha ispirato ad affinare davvero la mia riabilitazione e la mia etica del lavoro e mi ha dato la sicurezza di quando potrò tornare ed essere migliore di come ero prima che mi facessi male”, ha detto Ulofoshio, un ex comparsa che è stato votato come il giocatore più stimolante della squadra nel 2023. “Quel processo di riabilitazione è sicuramente la cosa più difficile che abbia mai attraversato. Puoi perdere la testa perché come atleta, l’unica cosa che apprezzi più di ogni altra cosa al mondo è il tuo corpo, e quando non sei nemmeno in grado di muovere il braccio o la gamba per sei settimane, stai perdendo la testa. la tua mente. Mi ha visto attraversarlo. Mi ha aiutato molto.”

A Seattle, Penix si è riunito con DeBoer, il coordinatore offensivo dell’Indiana nel 2019.

VAI PIÙ PROFONDO

Come una partnership di coaching di lunga data ha riportato rapidamente Washington ai College Football Playoff

“Sentivo che aveva solo bisogno di un nuovo inizio”, ha detto DeBoer. “Penso che sapesse che c’erano ancora persone che credevano in lui, e penso che probabilmente sia riuscito a far credere a tutti gli scettici, e questo è divertente. È davvero uno di quei ragazzi che se avessi la sua età, come compagno di squadra, mi vedrei uscire con lui. È davvero molto rilassato, ma c’è un interruttore che viene attivato quando gli assorbenti si attivano, da cui puoi capire che è davvero importante per lui.

I suoi genitori non hanno potuto assistere a tutte le partite, ma sono stati abbastanza in giro da incontrare così tante persone che sono venute a raccontare loro come il loro figlio li ha ispirati.

“Sento che questo lo ha avvicinato anche a Dio”, ha detto Takisha Penix. “Vedo una differenza in lui nel modo in cui affronta la vita adesso. Essere in grado di provare tutte queste emozioni e poi superarle, è incredibile. Non tutti possono attraversare tutti questi alti e bassi emotivamente e farcela.

Michael Penix Sr. ha allenato suo figlio nel calcio, nel basket e nel baseball quando cresceva nella zona di Tampa, in Florida. Ha insegnato a suo figlio la disciplina e ha predicato la determinazione, oltre a ricordare che tutto accade per una ragione.

“Gli infortuni rendono le persone mentalmente più forti”, ha detto Michael Penix Sr.. “Una volta che ottieni quella forza mentale e la metti in abilità atletica, quella è una combinazione meschina. Molti atleti quando si verificano questi infortuni non riescono a sviluppare quella forza mentale e questo li distrugge, ma lui l’ha superato. È stato benedetto.

Penix non ha vinto l’Heisman. È arrivato secondo dietro a Jayden Daniels della LSU. Ma Penix ha fatto una dichiarazione profonda quando è arrivato allo spettacolo quando ha camminato sul tappeto rosso e ha rivelato l’interno della sua giacca. Nella fodera c’erano tutti i nomi dei suoi compagni di squadra e allenatori di Washington.

“Volevo solo mostrare il mio apprezzamento a coloro che mi hanno aiutato ad arrivare a quel punto”, ha detto. “Dopo tutto quello che ho passato, il percorso che ho intrapreso, non è stato quello facile, e non direi che volevo che ciò accadesse, ma sento che tutto ciò mi ha plasmato nella persona che sono oggi. Apprezzo ogni momento che ho ora con i miei compagni di squadra e posso semplicemente andare là fuori e giocare al gioco che amo.

(Illustrazione fotografica: Eamonn Dalton / L’Atletico; Foto: James Black, Icon Sportswire tramite Getty Images,
Brandon Sloter / Immagine dello sport / Getty Images)


Avatar photo

Jesus Manuel Sanchez Delgado

Entradas relacionadas

Read also x